I sentieri del Signore sono bontà e verità per quelli che osservano il suo patto e le sue testimonianze
Salmo 25, 10

Chi è fedele nelle cose minime, è fedele anche nelle grandi; e chi è ingiusto nelle cose minime, è ingiusto anche nelle grandi
Luca 16, 10

Responsabilità: infrastrutture faraoniche, grandi progetti politici globali, risposte a ogni quesito. Forse è solo una mia impressione, ma mi sembra che più che mai in questo periodo siamo circondati da figure più o meno autorevoli che ci tengono a mostrare la loro capacità di pensare in grande, di proporre la loro soluzione per qualsivoglia problema che affligge l’umanità. I piccoli problemi quotidiani che siamo un po’ tutti e tutte chiamati ad affrontare non riguardano questi pensatori, loro sono impegnati a raddrizzare questo mondo; sono le persone comuni (e dunque non loro) a dover pensare alle minuzie come un mutuo da pagare, un lavoro che non si trova, un problema di salute che si deve affrontare con sempre meno aiuti.

È bello pensare in grande, fare grandi progetti; è liberante perché alla fin fine, che il progetto funzioni o meno, non è tutta colpa tua: più un’idea è complessa, più ha a che fare con diversi fattori, più è facile scaricare sugli altri gli eventuali insuccessi. È bello pensare in grande perché è più facile evitare di prendersi la responsabilità delle proprie azioni.

Eppure - ci ricorda la parola di Gesù - essere responsabili non compete solo a persone particolarmente pronte al sacrificio, ma fa parte della testimonianza di fede cristiana. Quando affermiamo di credere nel Dio che si fa carico di noi e delle nostre vite, non possiamo che prendere a nostra volta sul serio la responsabilità delle scelte che compiamo, delle piccole azioni come delle grandi scelte. Se manca questo aspetto, quella che chiamiamo fede diventa solamente un altro dei grandi progetti di cui sentiamo parlare e che magari ci infastidiscono, ma che non hanno la forza né la volontà di indirizzare una vita alla luce della Parola di Dio e in comunione con i fratelli e le sorelle.

Immagine: via Pixabay