Sottoscrizione per il Nepal. Raccolti sinora 40mila euro per l’aiuto alle vittime del sisma

Il pastore Aquilante: «Un contributo importante e utile per quell’area ancora segnata dalla tragedia»

E’ tuttora in corso la sottoscrizione della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) per le vittime del devastante terremoto che lo scorso 25 aprile ha colpito il Nepal. La scossa causò 8.600 vittime e 20mila feriti e incalcolabili distruzioni.

Sinora sono stati raccolti 40mila euro: «Siamo lieti di aver riscontrato a pochi mesi di distanza questa grande solidarietà. Un contributo importante – ha sottolineato il pastore Massimo Aquilante, presidente della Fcei –, utile alle organizzazioni cristiane che stanno operando in quell’area ancora duramente segnata dalla tragedia. Il prossimo settembre invieremo quanto raccolto, sapendo che seppur sia solo un seme di solidarietà, potrà aiutare i progetti e le iniziative di ricostruzione rivolte alla popolazione che ancora oggi versa in condizioni difficili. Dal giorno della tragedia – ha concluso Aquilante – le nostre preghiere sono rivolte a chi ha perso i famigliari o le persone a loro vicine».

Chi volesse inviare donazioni – che saranno destinate all'organizzazione umanitaria Action by Churches Together - ACT Alliance, una coalizione di 140 chiese associate al Consiglio ecumenico delle chiese (Cec) e alla Federazione luterana mondiale (Flm), operativa nelle zone disastrate sin dalle prime ore dopo il sisma (www.actalliance.org) – può farlo utilizzando i seguenti conti correnti specificando la causale "Terremoto Nepal":

Banca Prossima - IBAN: IT79C0335901600100000112766 - SWIFT/BIC: BCITITMX771 Conto corrente postale FCEI n° 38016002 - intestato alla Federazione delle chiese evangeliche in Italia - IBAN: IT54S0760103200000038016002 - BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX.

Foto: "Dharahara Tower after" by Omio Asad - Own work. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons.