Una vacanza «rilassante»

Due ragazzi di Torre Pellice hanno pensato di trascorrere le loro vacanze occupando i 40 giorni a disposizione, partendo da casa loro in bicicletta e andando fino ad Oslo, in Norvegia. Ci sono arrivati

Chi è che dice che i giovani d'oggi sono svogliati? L'esempio di Luca e Federico dimostra il contrario. Entrambi 24 anni e la passione per i lunghi viaggi, possibilmente poco comodi e molto avventurosi. Sono amici da tempo e sono rodati per stare assieme a lungo e a stretto contatto. Hanno pianificato un viaggio in bicicletta che originariamente doveva arrivare fino a Capo Nord, il punto più a nord d'Europa in cima alla Norvegia. Ma 40 giorni non bastavano e allora hanno “accorciato” il viaggio, definendo la nuova destinazione a Oslo, 3.200 chilometri oltre Torre Pellice. «L'abbiamo fatto per rilassarci», dicono.

Luca Chioni è al secondo anno di Economia e Commercio, Federico Del Nero è iscritto alla specialistica di Ingegneria Elettronica al Politecnico ma hanno la passione, non comune, delle grandi imprese, possibilmente insieme. Sono studenti e per mantenersi lavorano saltuariamente. Una vacanza di 40 giorni può sembrare fuori budget. Ma non è così. «Abbiamo speso 450 euro in 40 giorni – spiega Luca – facendo spesso campeggio libero con la tenda e andando talvolta in campeggio per lavarci. Non abbiamo mai avuto nessun problema per quanto riguarda la sicurezza.». Qualche problema, invece, c'è stato con l'attrezzatura e dal punto di vista tecnico, ma nel complesso l'itinerario è filato liscio.

La vacanza, o avventura, anche se per lo più solitaria, è stata anche un occasione per socializzare con tedeschi, norvegesi e svedesi.

Le idee per il prossimo viaggio sono già in cantiere, la direzione sembra essere quella della Mongolia e la motivazione la beneficenza.

Foto gallery: (foto dalla pagina facebook Da Torre Pellice a Oslo in bici)