Le vittime più giovani del conflitto

Come i bambini in Iraq affrontano la violenza e il dislocamento

All’età di 12 anni, Besna ha già imparato cosa significa perdere la casa. «Mi mancano i miei libri e le mie cose, i videogiochi e il mio computer portatile», dice la ragazza. «A casa, potevo andare a giocare con i miei amici. Ma qui non ho casa, e non so dove sono i miei amici. Ho sentito dire che uno di loro ora vive in Francia ».

Besna appartiene ad una delle otto famiglie che, scappate da Mosul in seguito ad un attacco dell’Is nel giugno 2014, vivono nella chiesa di San Pietro e Paolo, a Dohuk. Sono in tutto 51 le persone che, accolte nell’edificio ecclesiastico, hanno cercato di creare degli spazi abitativi propri, delimitando l’ambiente con alcuni mobili recuperati. Adulti e bambini, genitori e nonni vivono tutti insieme condividendo due bagni e una piccola cucina. Ora che si avvicina l’inverno, la gente trascorre sempre più tempo all’interno della chiesa con tutti i disagi della convivenza.

Nessuna scuola, nessun luogo per giocare

Purtroppo molte scuole a Dohuk hanno bisogno di riparazioni e le poche aule disponibili sono affollate di bambini locali e di quelli provenienti da famiglie sfollate, che frequentano le lezioni in due turni differenti.

«Tutta questa situazione è più difficile per i bambini», dice Nura, madre di altri due bambini che vivono nella chiesa di San Pietro e Paolo. «Non hanno un posto per giocare né per fare i compiti. Inoltre non riescono a dormire». Besna, ad esempio, ha gli occhi cerchiati di nero, segno della stanchezza e del sonno perso da troppo tempo.

Molti bambini sono fuggiti mentre erano in corso i bombardamenti, e di notte ancora gridano nel sonno o rimangono svegli perché temono di avere degli incubi.

«Mesi dopo ancora ricordano vividamente», dice Ahmed, un insegnante. «I miei figli a volte gridano nel sonno: “Stanno arrivando!”. Mentre passavamo tra i morti quando siamo fuggiti, mi chiedevano: “Perché stanno dormendo”». Tutti gli insegnanti della scuola hanno notato che i bambini spesso sono stanchi e hanno difficoltà di concentrazione. «Noi insegnanti siamo traumatizzati; dimentichiamo le cose a causa di quello che è successo. Immaginate che cosa possono vivere i bambini», aggiunge Ahmed.

La Federazione luterana mondiale (Flm) oltre a sostenere le famiglie di sfollati nel nord dell’Iraq con la distribuzione di generi alimentari, articoli sanitari e altri beni di soccorso come l’abbigliamento invernale, gestisce anche spazi dove le donne e i bambini sono coinvolti in laboratori artistici e ricevono sostegno psicosociale. In particolare, in collaborazione con il partner locale la Fondazione Jiyan, la Flm fornisce consulenza e sostegno psicologico a persone traumatizzate.

Fonte: Flm

Photo: LWF/ Seivan Salim

Interesse geografico: