Una prima volta anche per il Sinodo rioplatense

Carola Tron è la prima moderatora della storia delle chiese valdesi sudamericane

Il cinquantatreesimo Sinodo rioplatense si è concluso ieri, domenica 7 febbraio, con una novità storica: la pastora Carola Tron è stata infatti eletta moderatora, ed è la prima volta di una donna per le chiese valdesi sudamericane. Succede a Oscar Oudry, moderatore nei tre anni precedenti.

Nel discorso di insediamento Tron ha voluto sottolineare che la priorità del suo mandato sarà il «lavoro in equipe, coinvolgendo il più alto numero possibile di membri di chiesa nelle varie decisioni. L’elezione a membro della Mesa Valdense non deve esser visto come un traguardo, ma come un’opportunità per essere annunciatori della Parola di Dio e per contribuire in questa maniera alla trasformazione delle realtà delle chiese valdesi del Rio de la Plata».

Insieme a Carola Tron sono state nominati in Mesa anche Ariel Charbonnier, Elda Eichhorn, Silvia Benech e Orlando Allio.

L’assise si è svolta quest’anno, non come di consueto a Colonia Valdense, ma nella cittadina di Colonia del Sacramento, nel golfo di fronte a Buenos Aires e quindi all’Argentina. La volontà è quella di tornare ad un Sinodo itinerante, capace di muoversi fra le varie comunità per rinsaldare lo spirito di unione e condivisione che ha fatto la fortuna della storia valdese dai due lati dell’Oceano.

Il Sinodo tematico si è occupato quest’anno di sacerdozio universale e delle migliori modalità per esprimerlo.

Al contempo i pastori operanti in Argentina si sono riuniti nella loro consueta “Convencion” per affrontare le varie questioni legate al loro operato.

Foto Pietro Romeo

Interesse geografico: