Un centro ospedaliero per le vittime di Boko Haram

Progetto voluto e finanziato dalla diocesi anglicana di Maiduguri nel nord della Nigeria

Gli anglicani hanno progettato e costruito nel nord della Nigeria un centro ospedaliero e traumatologico per aiutare le migliaia di vittime della violenza del gruppo terroristico Boko Haram.

Il vescovo Emmanuel Mani, della diocesi di Maiduguri nella provincia di Jos, afferma che la nuova clinica – inaugurata a fine agosto – offrirà sostegno a persone di tutte le fedi, non solo ai cristiani.

La clinica, finanziata dalla chiesa, è costata circa 15 milioni di Naira nigeriane, o poco più di 34.000 dollari.

Il governo ha chiesto alla diocesi anglicana di aprire la clinica a tutti in modo che l’intera comunità ne tragga vantaggio.

«Questo è un ospedale diocesano al servizio di tutti. Abbiamo intenzione di utilizzare i nostri medici, infermieri e tutti gli operatori sanitari – sia in pensione sia in servizio - per garantire i servizi alla comunità, e speriamo che i servizi potranno essere dati gratuitamente», ha detto il vescovo Mani.

«La cosa buona di questo progetto è che i tecnici del governo che hanno fornito il piano e hanno supervisionato il progetto, lo stanno facendo gratuitamente. Quando siamo andati al Ministero della Salute per informarli dei nostri progetti per realizzare una clinica che funzioni anche come centro traumatologico adiacente ai locali della chiesa, essi sono stati molto soddisfatti e ci ha incoraggiato ad andare avanti con il progetto».

La clinica comprenderà anche un mini teatro, una farmacia e un laboratorio.

Secondo World Watch Monitor, Maiduguri, capitale dello stato federale di Borno, è tra le città nigeriane che hanno più subito gli attacchi di Boko Haram. Nel settembre 2015 una bomba di Boko Haram uccise più di 50 persone e decine furono i feriti.

Immagine: Di Saheed Mohammed - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=44997096

Interesse geografico: