Mike Pears è il nuovo direttore dell'Ibtsc

Il Centro internazionale di studi teologici battisti, con sede ad Amsterdam, si occupa in particolare di storia e teologia anabattista/battista, missiologia e teologia pratica

Mike Pears è il nuovo direttore del Centro internazionale di studi teologici battisti (Ibtsc), con sede ad Amsterdam. Pears succede al rev. dr. Stuart Blythe, che ha diretto il Centro per tre anni, e inizierà il suo incarico dal 1 agosto.

Le candidature sono state selezionate dal Board dell’Ibtsc, tra i cui membri c’è anche la pastora Cristina Arcidiacono, segretaria del Dipartimento di teologia dell’Unione cristiana evangelica battista d’Italia (Ucebi). A conclusione delle selezioni, il past. John Weaver, presidente del Board, ha dichiarato che la nomina di Pears è stata approvata all’unanimità dal Consiglio che ne ha apprezzato il curriculum e gli specifici doni.

Dal 2014 Pears ha guidato Urban Life, una rete di persone che esplora e ricerca nuovi approcci alla missione e alla presenza cristiana in quartieri svantaggiati ed emarginati.

I suoi interessi di ricerca in corso comprendono: la teologia del luogo, soprattutto in relazione alle questioni di potere e di disuguaglianza; l’uso dell’etnografia in relazione alla teologia e alla missione; e la teologia urbana. Insieme al prof. Paul Cloke (Exeter University), è co-editore e autore di una serie di sei libri intitolati Missione nei luoghi marginali, attualmente pubblicati dalla ed. Paternoster.

In termini di identità, Mike Pears è fortemente battista. Gli aspetti fondamentali della sua fede sono stati plasmati e arricchiti attraverso un’ampia varietà di ministeri e azioni missionarie, che lo hanno visto coinvolto nelle città di Londra, Vancouver, Francoforte, Sofia e Bristol.

Le diverse esperienze lo hanno portato sempre più ad apprezzare il modo in cui l’identità battista si esprime e radica in diversi contesti, e come le convinzioni battiste siano incarnate in varie culture.

Alla sua nomina, Pears ha detto: «L’Ibtsc, sia dal punto di vista culturale che geografico, occupa una posizione strategica per incoraggiare la ricerca e l’apprendimento della teologia e della spiritualità battista in Europa, nel Medio Oriente e oltre. Allo stesso tempo, le sue principali aree di ricerca – storia e teologia anabattista/battista, missiologia e teologia pratica - presentano una particolare risonanza con le tematiche chiave contemporanee sia all’interno della teologia sia nella missione della chiesa e nella società in generale».

Interesse geografico: