Welcoming Europe, la raccolta firme continua

Per un’Europa che accoglie, fra i capofila anche la Federazione delle chiese evangeliche in Italia

Prosegue la raccolta firme per “Welcoming Europe. Per un’Europa che accoglie” avviata dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei) insieme ad altri organismi* con tre obiettivi: dire basta alla criminalizzazione della solidarietà, creare canali di ingresso sicuri, garantire giustizia a tutte le vittime di abusi.

La raccolta firme, presentata in Italia il 19 aprile scorso, intende lanciare una Iniziativa dei cittadini europei (ICE) che consente di far valere le proprie rivendicazioni politiche raccogliendo 1 milione di firme in almeno 7 Stati membri entro 12 mesi. Raggiunto questo obiettivo, Commissione europea e Parlamento europeo saranno obbligati a esaminare le istanze.

Oltre che in Italia, si sono costituiti comitati promotori in Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Ungheria e sono numerosi i network europei coinvolti.

La proposta ICE è stata registrata presso la Commissione europea a metà dicembre 2017 e a metà febbraio 2018 è stata approvata. Il lancio della campagna in Italia è avvenuto il 19 aprile. Le sottoscrizioni utili dovranno essere raccolte entro febbraio 2019.

È possibile firmare sul sito della FCEI

Tutte le informazioni sono disponibili su www.welcomingeurope.it 
Facebookfacebook.com/welcomingeuropeIT/
Twittertwitter.com/WelcomingEU_IT

*Radicali Italiani, Legambiente, Cnca, Fondazione Casa della Carità, Oxfam, Comitato Verità e Giustizia per i Nuovi Desaparecidos del Mediterraneo, AOI, Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione e lo sviluppo, ActionAid, A Buon Diritto, Acli, Arci, Baobab Experience, CILD.

Interesse geografico: