85 mila no al rimpatrio di due minori, la Chiesa di Scozia in prima fila

Partecipata raccolta firme per non veder rimpatriata una famiglia pakistana integrata alla perfezione a Glascow

Una petizione, firmata da circa 85.000 persone, che chiede di non deportare dalla Scozia due fratelli adolescenti pakistani, è stata consegnata ai funzionari degli uffici dell'immigrazione.

Somer e Areeb Umeed Bakhsh, temono che le loro vite sarebbero in pericolo  se fossero rimandati in Pakistan contro la loro volontà. Sono giunti in Scozia insieme ai genitori nel 2012, in fuga per le minacce ricevute in patria dagli estremisti islamici a causa della fede cristiana della famiglia.

La moderatrice dell'Assemblea Generale della Chiesa di Scozia, pastora Susan Brown, ha ricordato che i cristiani sono un gruppo minoritario nel paese musulmano, in cui la blasfemia porta alla pena di morte.

Ha aggiunto che sperava che il ministro degli Interni britannico, Sajid Javid, avrebbe avuto «la decenza, la saggezza e la compassione di fornire ai ragazzi, che hanno rispettivamente 15 e 13 anni, un santuario permanente nel Regno Unito. La storia di questa famiglia ha toccato il cuore di decine di migliaia di persone che vogliono render noto a chi ha autorità quanto siano sconvolti dal vedere il proprio paese comportarsi in questo modo. Entrambi i ragazzi vogliono essere cittadini scozzesi e non inviati in un paese dove i cristiani sono perseguitati e minacciati. Somer ha fatto così bene i suoi esami alla Springburn Academy, nonostante la preoccupazione e lo stress della situazione familiare. La mamma e il papà vogliono semplicemente essere parte di una società in cui sono al sicuro come cristiani e dove possono dare ciò che possono alla comunità più ampia che li circonda. Se 85.000 persone sono disposte ad accoglierli, perché mai le autorità non possono farlo»?

Il leader del Partito Laburista Jeremy Corbyn ha incontrato i due giovani nella loro chiesa a Possilpark la settimana scorsa e li ha descritti come «meravigliosi» con così tanto da offrire alla loro casa di adozione, la Scozia.

Ha esortato gli uffici preposti a riconoscere il valore umano delle persone che sono venute in questo paese per «sfuggire all'oppressione».

La petizione è stata consegnata al personale dell'ufficio dell'Agenzia della frontiera e dell'immigrazione a Glasgow dalla stessa moderatora Brown,  da Paul Sweeney, deputato per Glasgow North East e dalla pastora della comunità in cui vive la famiglia, Linda Pollock della Possilpark Parish Church.

Sono stati raggiunti dalla famiglia, dai membri della Chiesa di Possilpark e dai giovani della Springburn Academy, la scuola frequentata dai due fratelli.

Il governo del Regno Unito ha ripetutamente respinto la richiesta di asilo della famiglia, con la motivazione che sia possibile condurre una vita pacifica in Pakistan, considerato paese non a rischio. Ma il signor Bakhsh, il padre dei due giovani, afferma che il suo nome e la sua fotografia sono stati diffusi tra gruppi estremisti e nessun posto nel paese natale è sicuro per loro.

Per il parlamentare scozzese Bob Doris «la petizione dimostra la volontà degli scozzesi di alzare la voce per difendere la famiglia. Il sostegno dato a Somer, Areeb e ai loro genitori è stato toccante. La semplice realtà è che abbiamo una famiglia ben integrata all'interno e che contribuisce alla comunità nel nord di Glasgow. Con questa petizione in difesa di Somer e Areeb, il Regno Unito ha l'opportunità di fare la cosa giusta e iniziare a guadagnare una certa credibilità in materia di politica di asilo».

I cristiani in Pakistan sono stati ripetutamente presi di mira da una serie di micidiali attacchi terroristici rivendicati dallo Stato islamico negli ultimi anni.

Tamsin Dingwall, moderatore dell'Assemblea nazionale della gioventù della Chiesa scozzese, ha dichiarato che la consegna delle petizioni ha rappresentato «il trasferimento del destino dei fratelli a qualcun altro. Tutto ciò che possiamo fare ora è pregare che venga presa la decisione giusta in merito alla loro sicurezza e al loro benessere».

Il signor Bakhsh ha due master e ha lavorato come analista di dati in Pakistan e sua moglie è un'infermiera e un'ostetrica.

Alla coppia piacerebbe molto lavorare e dare un contributo al paese che chiamano casa, ma ciò è loro impedito a causa del loro status di immigrati, il che significa anche che non sono autorizzati, ad esempio, nemmeno a guidare.

 

Nella foto: al centro i due ragazzi con la moderatora Brown e la pastora Pollock; inginocchiato il deputato Paul Sweeney

Interesse geografico: