Appello alle chiese per un futuro sostenibile

Il messaggio finale della conferenza sul "Contributo delle Chiese a una società sostenibile" organizzata dalla Rete cristiana europea per l'ambiente

Si è tenuta dal 25 al 28 maggio a Oslo la conferenza sul “Contributo delle Chiese a una società sostenibile”, organizzata in collaborazione fra la Chiesa di Norvegia e la Rete cristiana europea per l’ambiente (Ecen), che ha riunito rappresentanti di chiese e organizzazioni ecumeniche di undici paesi in tutta Europa. Per la Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei) hanno partecipato Antonella Visintin e Maria Elena Lacquaniti della Commissione Globalizzazione e ambiente.

Di seguito il messaggio che è stato diramato alla fine dei lavori.

«Le sfide che affrontiamo sono travolgenti. Il cambiamento climatico, l’accelerazione della perdita di biodiversità, l’inquinamento delle risorse idriche e l’eccessivo consumo delle risorse sulla terra sono distruttivi per la vita stessa. Il nostro attuale stile di vita è una minaccia per milioni di persone oggi e per le generazioni a venire. C’è un bisogno urgente di allontanarsi dal nostro attuale percorso e cercare di seguirne uno nuovo insieme.

Come capitale verde d’Europa 2019, Oslo fornisce un buon esempio di come creare uno stile di vita sostenibile in un ambiente sano. Ma questo non è abbastanza. Altre città dovrebbero seguire il suo esempio e, allo stesso modo, governi e paesi.

Sentiamo la chiamata di coloro che soffrono di distruzione ambientale e cambiamenti climatici. Sentiamo la chiamata di bambini e giovani per un’azione urgente. Dio, il creatore ci chiama ad assumerci la responsabilità, a prenderci cura del Creato e dei nostri vicini.

Durante la conferenza abbiamo beneficiato della condivisione dell’esperienza di una serie di attività che le chiese di tutta Europa svolgono per prendersi cura della creazione, sostenere la giustizia climatica e dimostrare le loro necessità e aspirazioni per uno stile di vita sostenibile.

Per avere un atteggiamento attivo rispetto alle sfide di questo mondo dobbiamo fare di più. Dobbiamo pentirci della nostra inerzia del passato e reagire allo stato attuale di emergenza. La responsabilità è maggiore per coloro che sono in grado di fare di più.

Incoraggiamo la Chiesa norvegese a intensificare i suoi sforzi per chiedere al governo norvegese e all’industria estrattiva del petrolio di implementare misure appropriate, come sostenuto nel rapporto Norvegia equa quota. Questo rapporto si allinea anche con le richieste dei bambini e dei giovani, che hanno manifestato in tutto il mondo a marzo e maggio.

Facciamo appello alle chiese in Europa per ulteriori azioni urgenti, denunciando l’ingiustizia, scegliendo il lato dei poveri, degli oppressi e delle giovani generazioni che chiedono un futuro sostenibile. Questa azione può includere:

  • Partecipare attivamente al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.
  • Mettere in discussione l’ideologia della crescita economica illimitata.
  • Offrire una guida per trasformare i nostri stili di vita in stili di vita sostenibili.
  • Contribuire attivamente alla discussione pubblica chiedendo azioni urgenti e concrete per combattere i cambiamenti climatici e la distruzione ecologica.
  • Cooperare in questi sforzi con altre chiese e altre comunità di fede.
  • Ridurre le impronte ecologiche delle chiese.
  • Ridurre il consumo di combustibili fossili e reinvestire in soluzioni alternative sostenibili.

Chiediamo in particolare alle chiese, in questo momento di emergenza climatica, di lavorare con devozione verso questi obiettivi».

Tags:

Interesse geografico: