Cuba. Chiesa luterana in prima linea contro il Covid

Grazie al fondo economico istituito dalla Flm, un numero crescente di famiglie vulnerabili ha ricevuto aiuti alimentari e sostegno psicosociale

Quando il Sinodo luterano della Chiesa evangelica unita a Cuba (Ueccls) ha valutato lo scorso dicembre le categorie di persone che avevano bisogno di assistenza urgente a causa dell’impatto prolungato della pandemia del Coronavirus (COVID-19), l’obiettivo iniziale era di far fronte alle necessità di 600 persone appartenenti a 200 famiglie. Ma entro la fine di gennaio, quel numero è aumentato del 50% fino a raggiungere 900 persone in quasi 300 famiglie che hanno bisogno di cibo per sopravvivere, di articoli per l’igiene tra cui mascherine e disinfettanti, di supporto psicosociale e di assistenza per l’acquisto di medicinali.

La Federazione luterana mondiale (Flm) sta sostenendo la sua chiesa membro a Cuba attraverso il Covid-19 Rapid Response Fund (RRF), entrato nella sua seconda fase. Le chiese che richiedono finanziamenti ricevono fino a 5.000 euro per le esigenze di emergenza legate al Coronavirus.

Come molti altri paesi in tutto il mondo, i lockdown e le restrizioni imposte per fermare la diffusione del Coronavirus hanno avuto un impatto significativo sull’economia del paese, spingendo le famiglie già vulnerabili sull’orlo del baratro. I prezzi dei prodotti di base e del cibo sono aumentati, soprattutto la carne di maiale, che è ampiamente consumata. La Chiesa luterana ha cercato di raggiungere famiglie già in difficoltà che si sono trovate improvvisamente senza mezzi per guadagnarsi da vivere, persone con malattie croniche e disabilità, e anziani, compresi i pastori e altri lavoratori ecclesiastici.

Quando la distribuzione è iniziata all’inizio di quest’anno, le famiglie selezionate hanno ricevuto 10 dollari ciascuna per acquistare articoli igienici e cibo aggiuntivo.

Tra coloro che hanno beneficiato del fondo luterano di assistenza ci sono famiglie a basso reddito con persone malate di HIV e AIDS (PLHA), e altre che soffrono di malattie mentali. Hanno inoltre ricevuto supporto psicosociale: future mamme ricoverate nell’ospedale di maternità Tamara Bunque nella provincia di Santiago de Cuba, genitori single e anziani.

Cuba, con una popolazione di 11,3 milioni di persone, ha avuto relativamente pochi casi di Covid-19 nei primi mesi della pandemia nel 2020. Quando il governo ha allentato il lockdown di un mese lo scorso settembre, il numero di casi di Covid-19 ha raggiunto 6.000 unità, di cui 122 morti. Secondo i dati forniti il 25 febbraio dall’Organizzazione mondiale della sanità, sono complessivamente quasi 47.000 persone ad aver contratto il virus e oltre 300 i morti.

«A Cuba la situazione è ora molto più critica rispetto al 2020, poiché il sistema sanitario del paese fatica a far fronte alla rapida e incontrollata diffusione del virus», ha detto Ismael Laborde Figueras, vescovo della Ueccls. «In questo contesto, ringraziamo la Flm per il prezioso sostegno che abbiamo ricevuto».

 

Foto: UECCLS

Tags:

Interesse geografico: