La discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale divide gli Usa

La Camera approva l'estensione di tutti i diritti civili alle persone LGBTQ, ma al Senato manca la maggioranza. I timori delle chiese conservatrici di perdere fondi statali

Giovedì 25 febbraio la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, controllata dai democratici, ha approvato un ampio disegno di legge sui diritti LGBTQ chiamato Equality Act.

I repubblicani per la maggior parte hanno obiettato, con alcuni di loro che ora stanno sostenendo un disegno di legge in opposizione, chiamato Fairness for All, presentato nei giorni seguenti dal rappresentante Chris Stewart dello Utah con 20 co-sponsor repubblicani.

Entrambi i progetti di legge vieterebbero la discriminazione basata sull'identità di genere e sull'orientamento sessuale. Ma Fairness for All prevede delle eccezioni per le organizzazioni religiose, che hanno svolto un ruolo importante nella redazione della legge stessa.

L'Equality Act nella sua forma attuale probabilmente non ha alcuna possibilità di venir approvato al Senato.  Per uscire dall’impasse sarebbe allora necessario approvare un’apposita mozione, che da regolamento del Senato richiede la maggioranza dei tre quinti dei membri in un numero fissato a 60. Ma il Senato è equamente diviso, 50 senatori cadauno, fra i due partiti.

La proposta Fairness for All  probabilmente non ha invece alcuna possibilità alla Camera, data la maggioranza democratica presente.

Ma potrebbe esserci una via da seguire se il Senato combinasse le disposizioni di entrambi i progetti di legge. Un tale compromesso potrebbe ottenere la firma del presidente Biden che ha affermato che le protezioni LGBTQ sono una delle sue massime priorità legislative per i primi 100 giorni della sua presidenza.

Ecco alcune delle questioni in gioco.

Cos'è l'Equality Act?

Fondamentalmente aggiungerebbe l'orientamento sessuale e l'identità di genere all'elenco delle caratteristiche personali protette dalla legge federale sui diritti civili.

Ventinove stati non hanno protezioni per le persone LGBTQ. Ciò significa che le persone possono essere licenziate per il loro orientamento sessuale e i proprietari di case possono rifiutarsi di affittare o vendere loro abitazioni e così via.

L'Equality Act non solo vieterebbe la discriminazione, ma negherebbe anche i finanziamenti federali ai gruppi che discriminano le persone LGBTQ. Lo farebbe ampliando il Civil Rights Act del 1964, che già vieta la discriminazione sulla base di razza, colore, religione, sesso e origine nazionale.

Il disegno di legge amplierebbe anche gli spazi pubblici che non dovrebbero certo discriminare le persone LGBTQ includendo centri commerciali, arene sportive e rivenditori online. In questo momento, le regole di non discriminazione riguardano principalmente ristoranti, parchi di divertimento e hotel.

Chi si oppone?

Il disegno di legge è fortemente osteggiato da molti gruppi religiosi su più fronti. Essi affermano che i luoghi di culto, come le chiese e le sinagoghe, devono essere esplicitamente esclusi dalla lista, altrimenti i gruppi religiosi che si oppongono al matrimonio tra persone dello stesso sesso potrebbero essere costretti ad offrire le loro sale alle cerimonie nuziali LGBTQ, per esempio. Il loro timore è soprattutto di carattere economico: c’è in loro il timore di perdere i lauti finanziamenti pubblici che finanziano le attività delle chiese, scuole, ospedali e via dicendo.

La decisione di compromesso che taluni stanno avanzando fornirebbe un'ampia protezione per le persone LGBTQ garantendo allo stesso tempo le istituzioni religiose che sostengono le credenze tradizionali sul matrimonio e sulla sessualità.

È modellato sullo "Utah Compromise", una legge statale del 2015 che ha rafforzato la libertà religiosa e protetto le persone LGBTQ dalla discriminazione. L'equità per tutti è stata sostenuta dal Consiglio per i college e le università cristiane, la Chiesa avventista del settimo giorno, la Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni e la National Association of Evangelicals, che non l'ha formalmente approvata ma è stata consultata nella sua redazione.

Il disegno di legge dovrebbe ancora affrontare forti venti contrari da altri gruppi religiosi che si oppongono all'idea di aggiungere l'orientamento sessuale e l'identità di genere come classi protette. La Southern Baptist Convention e la Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, ad esempio, si sono già espressi con forza in tal senso.

Quindi è possibile un compromesso?

Molti moderati la pensano così. Entrambi i progetti di legge sono stati presentati in precedenza e hanno fallito. Ma potrebbe esserci una via da seguire se il Senato riuscirà a combinare le principali caratteristiche dell'Equality Act con le esenzioni previste dalla legge Fairness for All.

I campioni di un compromesso sottolineano che gli americani sostengono ampiamente le protezioni LGBTQ. Secondo un'indagine sui valori americani, più di 8 americani su 10 sono favorevoli a leggi che proteggano le persone LGBTQ dalla discriminazione.

 

Foto di Jasmin Sessler da Pixabay

Tags:

Interesse geografico: