Sfide e opportunità post-pandemia

Ne stanno discutendo i rappresentanti delle chiese membro della Federazione luterana mondiale delle Americhe riuniti in Cile in occasione della Conferenza sulla leadership delle Americhe 2022

I rappresentanti di 19 chiese membro della Federazione luterana mondiale (Flm) in America Latina, Caraibi e Nord America fino a domani partecipano di persona per la prima volta dopo tre anni, a causa delle restrizioni Covid-19, alla Conferenza sulla leadership delle Americhe per riflettere sulle sfide che le chiese, dopo due anni di pandemia, devono affrontare.

L’incontro è organizzato congiuntamente dalla Chiesa luterana in Cile (ILCH) e dalla Chiesa evangelica luterana in Cile (IELCH).

La segretaria regionale della Flm per l’America Latina, i Caraibi e il Nord America, Rev. Sonia Skupch, ha affermato che il testo tratto dal profeta Ezechiele, scelto come tema dell’incontro – “Dio soffiò la vita sulle ossa secche” –, è un’immagine forte per l’apertura di questo incontro dopo la pandemia: «come chiese e società abbiamo attraversato così tante difficoltà in questi ultimi anni, e questa storia riflette le nostre realtà e le nostre speranze».

«Prego che questa conferenza sulla leadership sia uno spazio di incontro e che i nostri spazi liturgici ci ispirino e ci riempiano di speranza e passione per le nostre chiese e per il mondo», ha affermato ancora la pastora Skupch.

Presente alla Conferenza anche la segretaria generale della Flm, la Rev. Anne Burghardt, che si trova in visita nelle Americhe per la prima volta da quando è stata eletta nel suo ruolo nel giugno dello scorso anno. «La Flm riunisce diverse chiese che servono in contesti diversi e differiscono per dimensioni e storia. Ma tutte loro, tutte le vostre Chiese che sono qui rappresentate, sono ugualmente importanti, condividono i loro doni l’una con l’altra e imparano l’una dall’altra; a volte, quando necessario, parlano anche tra loro con voce profetica», ha detto Burghardt nel suo saluto.

Il Ministro cileno, segretario generale della Presidenza, Giorgio Jackson, ha accolto una delegazione al Palacio de La Moneda de Chile, sede degli affari di governo e dei ministeri in Cile. Il funzionario del governo ha assicurato alla delegazione l’impegno del presidente per la libertà religiosa. «Le chiese hanno la capacità, attraverso il loro ministero diaconale, di raggiungere le persone che non sono raggiunte dalle politiche del governo», ha detto Jackson alla delegazione. «Questo è qualcosa che possiamo imparare da voi».

Nel corso del culto di apertura il vescovo Alexis Salgado ha affermato che il tema della Conferenza è un messaggio rivolto agli stessi messaggeri, come Ezechiele: «è per tutti noi che siamo preoccupati per la situazione post-pandemia, per tutti coloro che si sentono scoraggiati, afflitti, senza via d’uscita, e mi riferisco a quelli di noi che sono stati chiamati ad annunciare il Vangelo. Anche noi abbiamo bisogno di essere guidati, consigliati e risollevati».

Photo: LWF/A.Gray

Interesse geografico: