Nepal. Il Consiglio metodista mondiale esprime cordoglio per le vittime

Appello alla famiglia metodista a sostenere con preghiere e azioni le popolazioni colpite

A seguito del terremoto di magnitudo 7.8 avvenuto lo scorso fine settimana in Nepal che ha provocato migliaia di morti e migliaia di feriti, il Comitato giustizia sociale e affari internazionali del Consiglio metodista mondiale (Cmm) ha rilasciato la seguente dichiarazione a nome del Cmm:

«Estendiamo il nostro sentito cordoglio alle vittime del terremoto in Nepal, alle loro famiglie, e alle nazioni circostanti. Preghiamo per la Chiesa metodista in Nepal affinché continui la sua missione in queste difficili circostanze, e riconosciamo l’aiuto e il lavoro missionario che viene svolto dai membri della famiglia metodista-wesleyana in quel paese. Chiediamo a tutti di continuare a pregare per le vittime e per coloro che sono stati colpiti dal sisma. Preghiamo e chiediamo che la famiglia metodista-wesleyana si impegni ulteriormente in azioni che aiutino il paese ad andare avanti dopo questo disastro, seguendo le parole di John Wesley «fate tutto il bene che potete, con tutti i mezzi che potete, in tutti i modi che potete, in tutti i luoghi che potete, tutte le volte che potete, a tutti quelli che potete, sempre, finché potrete. Noi crediamo che Gesù Cristo diffonda continuamente la pace nel mondo, e preghiamo che la sua pace raggiunga tutte le famiglie colpite».

Fonte: Cmm

Foto "Nepal Earthquake 2015 01" by Krish Dulal - Own work. Licensed under CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons.

Interesse geografico: