Sgomento e cordoglio del Sinodo per la tragedia nel Mar Mediterraneo

Rilanciata la proposta di corridoi umanitari 

Il Sinodo delle chiese metodiste e valdesi in corso a Torre Pellice dal 23 al 28 agosto, ha approvato all’unanimità un ordine del giorno che esprime sgomento e cordoglio per l’ennesima tragedia avvenuta ieri nel mar Mediterraneo. Di seguito il testo:

«Il Sinodo, di fronte all’ultima tragedia nel Mar Mediterraneo che ha visto la perdita di 51 vite umane, esprime sgomento e cordoglio e rilancia con forza la necessità di istituire corridoi umanitari che permettano un passaggio sicuro alle donne, agli uomini e ai bambini che sono costretti a intraprendere un sofferto viaggio per sfuggire a distruzioni, violenze e persecuzioni che si registrano in ampie aree dell’Africa e del Medio Oriente». 

La costituzione di corridoi umanitari è uno dei pilastri del progetto Mediterranean Hope della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), in collaborazione con la Comunità di Sant’Egidio. Il progetto è finanziato con i fondi 8 per mille delle chiese valdesi e metodiste.

Dopo la tragedia di ieri alcuni sopravvissuti sono arrivati anche a Lampedusa, dove Mediterranean Hope ha istituito un Osservatorio sulle migrazioni. Gli operatori hanno dichiarato: «Siamo rimasti profondamente segnati da quello che abbiamo vissuto. Ieri sera al molo di Lampedusa non abbiamo visto solo profughi, non abbiamo soccorso semplicemente chi fugge dalle guerre e chiede protezione. Ma abbiamo soccorso madri, figli, fratelli e amici di persone morte in mare. che per tutta la vita, come noi, continueranno a rivivere questi momenti drammatici». 

Foto Pietro Romeo

Interesse geografico: