Ancora grande cinema a Pomaretto

Prosegue con successo il cineforum della Scuola Latina, con film accuratamente scelti tra i più belli e significativi, tra le pellicole di ieri e di oggi

Continua il cineforum organizzato dalla Scuola Latina di Pomaretto, dopo la pausa per le festività natalizie, e proseguirà fino al prossimo 4 maggio. Ogni serata si svolge a mercoledì alterni, ed offre la possibilità di meditare su pellicole scelte per il contenuto o per le particolare tematiche trattate. A curare la scelta dei film è il gruppo degli Amici della Scuola Latina di Pomaretto.

«A curare la scelta e la compilazione del cartellone siamo io e Mauro Challier – racconta Carlo Baret – e normalmente cerchiamo di seguire una certa logica nel proporre le proiezioni, preferendo filoni quali luoghi geografici o specifici autori. Quest'anno abbiamo valutato anche pellicole che hanno ricevuto riconoscimenti, e abbiamo terminato la prima sessione con un film che è stato apprezzato tantissimo, Torneranno I Prati di Ermanno Olmi».

In effetti le serate della Scuola Latina sono molto frequentate ed il pubblico è ben variegato. Oltre ad un gruppo di fedelissimi ed assidui spettatori, ci sono anche coloro che approfittano delle proiezioni per vedere lo specifico film che incuriosisce di più. Oltre al prezzo contenuto di 4 euro a incontro, ci sono altri motivi per partecipare.

«Ogni pellicola – continua Baret – è introdotta da Mauro Challier che pone l'attenzione su alcuni aspetti pregnanti del film e suggerisce spunti di riflessione ispirati dalle immagini che seguiranno. C'è spesso anche spazio dopo la visione per discutere e confrontarsi, ed a volte gli spettatori si trattengono per chiacchierare un po'».

Il calendario riprende il 10 febbraio con Pride, per proseguire poi con Il Sale Della Terra il 24 febbraio. E poi film francesi, italiani, per terminare con Father And Son il 4 maggio. Per avere sotto mano il programma completo è possibile consultare il sito della Scuola Latina e visitare la sezione relativa alle news e alle iniziative culturali.

Foto via