Una dozzina di parrocchie anglicane inglesi stanno preparando quello che sembra essere il primo passo verso uno scisma all’interno della Chiesa d’Inghilterra, con la creazione di un «Sinodo ombra». L’iniziativa è stata salutata favorevolmente dalla Global Anglican Future Conference (GafCon), ala conservatrice della Comunione anglicana mondiale.

I rappresentanti di circa 12 parrocchie anglicane di tre contee nel sud dell’Inghilterra si sono dati appuntamento questa settimana presso la chiesa di St. Mark, Tunbridge Wells, nella diocesi di Rochester (Kent) e, dichiarando la propria opposizione alla celebrazione di matrimoni gay, hanno detto di voler aderire alla «Dichiarazione di Gerusalemme», professione di fede redatta dalla Global Anglican Future Conference (GafCon), movimento conservatore istituito a Gerusalemme nel 2008 – in opposizione alla Conferenza di Lambeth che in quello stesso anno riunì tutti i vescovi della Comunione anglicana.

Gli organizzatori affermano che daranno vita ad una struttura alternativa qualora la Comunione anglicana mondiale si muoverà verso la formalizzazione dei matrimoni omosessuali. In una nota diffusa si legge: «Si tratta di un’iniziativa di base promossa da congregazioni locali che rappresentano il punto di vista di molti in tutto il paese, ed è in linea con le preoccupazioni degli anglicani del movimento GafCon in tutto il mondo, come espresso nella Dichiarazione di Gerusalemme del 2008 e successivamente. Il messaggio è che ci sono chiese anglicane che sono ancorate alle verità immutabili del Vangelo e alle discipline della Chiesa d’Inghilterra; queste chiese si oppongono all’inesorabile deriva verso il revisionismo presente nelle strutture della Chiesa di Inghilterra, e sono pronte a prendere provvedimenti per proteggere le loro congregazioni».

Il rev. Peter Sanlon, vicario della parrocchia di St. Mark che ospiterà l’incontro, ha dichiarato: «Se i leader anziani della Chiesa d’Inghilterra annacquano l’insegnamento della Chiesa d’Inghilterra su questioni fondamentali come l’omosessualità, allora questo sinodo potrebbe evolversi in una nuova giurisdizione anglicana in Inghilterra. L’arcivescovo di Canterbury è a conoscenza della possibilità che una parte significativa della chiesa non accetterà un cambiamento nella dottrina della chiesa. Questo potrebbe essere l’inizio di una separazione».

Immagine: By The Voice of Hassocks - Own work, CC0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=19578674

Interesse geografico: