Egli starà là e pascolerà il suo gregge con la forza del Signore, con la maestà del nome del Signore, suo Dio. E quelli abiteranno in pace, perché allora egli sarà grande fino all’estremità della terra.
Michea 5, 3

Venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà anche in terra come è fatta in cielo
Matteo 6, 10

È dato per certo che in cielo la volontà di Dio è fatta in modo perfetto. Là il governo di Dio è incontrastato e, sebbene qua e là, sia nell’Antico che nel Nuovo Testamento, si faccia cenno a Satana – il nemico dell’umanità (vedi Giobbe), dei santi (1 Pietro) e della terra stessa (vedi Apocalisse) – la signoria è ben salda nelle mani di Dio e Satana è perdente. Alla fine sarà sconfitto definitivamente. In Gesù abbiamo la prova plastica che Satana è smascherato e sconfitto, nonostante le sue varie manifestazioni e i suoi vari camuffamenti.

Non mancano lettori della Bibbia ed eminenti esegeti che bollano tutto ciò come patrimonio di una cultura dove imperano i miti, fatta di sopra e di sotto, di regno di Dio e di regno di Satana. Molti, poi, impressionati dalla malvagità imperante, dove abbondano guerre, violenze personali, omicidi e femminicidi, corruzione, immoralità e durezza di cuore a vari livelli, non esitano a pensare che viviamo sotto il dominio di Satana, indipendentemente dal contenuto che si vuole dare a questo nome.

Ci sforziamo di guardare e di indicare i numerosi esempi di solidarietà, di altruismo, di servizio che vengono messi in atto da singoli e associazioni di persone, ma non possiamo nasconderci che la battaglia è impari e che l’ottimismo deve fare i conti con la dura realtà. Allo stesso tempo sappiamo che il regno di pace (Shalom), sicurezza, benessere e felicità non lo costruiamo con le nostre mani. Esso è di Dio e noi aneliamo alla nuova realtà di Dio per la quale preghiamo «Venga il tuo regno». Lo attendiamo con fiducia, preparando con impegno la strada di colui che verrà, sapendo che non rimarremo delusi.

Immagine: via istockphoto.com