Volley: Pinerolo in A2 dopo trentun’anni

Vittoria con Cagliari e certezza del primato per le ragazze di Massimo Moglio

Può esplodere la festa. Con la vittoria più che scontata sul fanalino di coda Cagliari, l’Eurospin Ford Sara Pinerolo taglia il traguardo matematico della promozione in serie A2, dopo 31 anni di assenza dalla categoria. In un palazzetto gremito dal pubblico ansioso di festeggiare, il copione va in scena senza intoppi: le ragazze di Massimo Moglio, nonostante la sostanziale inconsistenza dell’avversario, non perdono mai la concentrazione e volano sul 3-0 senza troppi complimenti. All’ultimo punto, tutto il palazzetto può sciogliere la (relativa) tensione e lasciarsi andare alla gioia di festeggiare.

Quella di Pinerolo in questa stagione è stata una cavalcata trionfale, con 23 vittorie su 25 gare disputate. Un cammino interrotto solo dalle sconfitte di Palau e Settimo: quest’ultima proprio sabato scorso, ha di fatto rimandato la festa promozione delle pinerolesi di una settimana. Una squadra costruita per vincere, con un mix di esperienza e gioventù, orchestrata alla perfezione da un condottiero esperto e capace come Massimo Moglio. Giocatrici importanti come Natalia Serena e Giorgia Vingaretti, già insieme in una promozione in A2 a Brescia, hanno deciso di investire le loro carriere in questo progetto e sono state ripagate con una stagione densa di soddisfazioni «Entrambe amiamo le sfide - racconta il capitano - questa piazza aveva fame di serie A e c’erano l’entusiasmo e i mezzi per fare bene».

Un successo di tutti quello dell’Eurospin Ford Sara: della squadra, del coach, della dirigenza e di tutto il settore giovanile. Ma, non ultimo, anche del pubblico: costantemente presente durante tutta la stagione, ha atteso e infine ottenuto una promozione che aspettava da oltre trent’anni. «Un pubblico esigente e competente - spiega il direttore sportivo Francesco Cicchiello - Siamo felici di aver realizzato il sogno atteso così a lungo da tutte queste persone che ci hanno seguito e sostenuto durante tutta la stagione e meritano questo successo.

La festa finale è il tripudio di un gruppo che ha saputo imporre la propria superiorità nell’arco di tutta la stagione, costruendo gara dopo gara la sua identità di squadra vincente in un campionato lungo e difficile e sgominando la concorrenza di squadre attrezzate come Offanengo, Vigevano o Bergamo. E ora ci si proietta sul futuro, con una serie A2 che non vuole essere soltanto un passaggio per Pinerolo.

Interesse geografico: