Giornata dell'Europa, valori comuni che plasmano il nostro futuro

Mentre i leader europei si riuniscono per festeggiare il "compleanno" del nostro continente, la Conferenza di chiese europee pubblica un forte appello alla vigilia dell'importante voto del 26 maggio

Quello che segue è un messaggio  del presidente, pastore Christian Krieger e del Segretario generale, pastore Heikki Huttunen della Conferenza di chiese europee (Kek), rivolto ai leader europei riuniti per il Vertice dell'Ue per il futuro dell'Europa a Sibiu, Romania:

 

«La Conferenza delle Chiese Europee, in rappresentanza di 114 Chiese membro in 40 paesi, si congratula con i leader europei riuniti per il vertice dell'Ue sul futuro dell'Europa nella giornata dell'Europa 2019 nella storica città di Sibiu, in Romania. È davvero opportuno rafforzare la solidarietà europea nel giorno in cui si celebra la Dichiarazione di Schuman, che ha introdotto la visione delle nazioni europee legate insieme per una pace duratura.

I valori fondamentali dell'Unione europea – rispetto per la dignità umana e i diritti umani, libertà, democrazia, uguaglianza e Stato di diritto hanno radici comuni con gli ideali ecumenici di giustizia, pace e integrità del creato. Tuttavia, questi valori comuni sono stati messi sotto crescente pressione negli ultimi anni.

Per rinnovare la fiducia e rafforzare l'impegno ad una visione europea, dobbiamo rivendicare e riaffermare i nostri valori europei comuni, che oggi sembrano essere messi in discussione piuttosto che caratterizzare lo stato dell'Unione. Senza un'enfasi sui valori, l'Ue rischia di diventare una situazione auto-perpetuante di interessi economici miopi, che alla fine si frantumerà in raggruppamenti e nazioni rivali.

La Conferenza delle Chiese europee desidera sottolineare la visione di un' Unione europea come una vera comunità di valori comuni che contribuiscono a lavorare insieme per il futuro condiviso e sostenibile del mondo.

La Conferenza delle Chiese europee esorta quindi i capi di governo a:

  • Promuovere la giustizia economica ed ecologica che coinvolga l'uguaglianza sociale e la coesione.
  • Lavorare per politiche sostenibili in materia di migrazione e asilo basate sulla solidarietà intraeuropea e solidarietà con i più vulnerabili, basate sul rispetto della dignità umana e dei diritti umani - nell'UE, ai suoi confini e nelle sue relazioni con i paesi terzi
  • Combattere tutte le forme di discriminazione e razzismo, basandoci sulla convinzione che tutti gli esseri umani sono creati uguali a immagine di Dio. In quanto Chiese, esortiamo tutti gli attori sociali a contrastare l'incitamento all'odio, i gesti dispregiativi e atti di vandalismo.
  • Rispondere al populismo e all'estremismo e alle esperienze di esclusione, privazione e disperazione.
  • Promuovere l'inclusione, l'accessibilità e la non discriminazione rispetto allo sviluppo della digitalizzazione e dell'intelligenza artificiale, concentrandosi su questioni etiche e sociali.
  • Promuovere la pace promuovendo strategie di costruzione di ponti che mettano l'accento sull'interdipendenza sociale, politica e ambientale come elemento fondamentale di pace e sicurezza. Come Chiese siamo preoccupate per la militarizzazione dell'Ue e discutiamo per un approccio di giustizia e pace verso le questioni di sicurezza a tutti i livelli, dal livello nazionale a quello europeo e globale.
  • Impegnarsi per la responsabilità globale. Le gravi sfide che l'Europa deve affrontare, dall'economia alla migrazione e dalla sicurezza ai cambiamenti climatici, richiedono responsabilità e azioni globali. 

L'agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile dovrebbe essere al centro del rafforzamento del ruolo globale dell'Ue.

Siamo incoraggiati dal fatto che, secondo i sondaggi di opinione, gli ideali europei godono di una fiducia più alta che mai tra i cittadini. La nostra comune responsabilità per il futuro dell'Europa ci spinge tutti verso la collaborazione, la solidarietà e l'amicizia, anche nel mezzo di circostanze politiche incerte e immense sfide politiche.

Le chiese europee sono pronte a sottolineare e rappresentare i valori di un'Europa unita, nonché la necessità di difendere questi valori contro i fantasmi del passato.

Come Chiese, ci impegniamo a costruire ponti di pace e ospitalità nelle nostre comunità, a rafforzare i rapporti tra le Chiese e altri partner in Europa e a promuovere una visione globale del bene comune, perseguendo un'Europa umana, sociale e sostenibile in pace con se stessa e i suoi vicini, in cui prevalgono i diritti umani e la solidarietà».

Tags:

Interesse geografico: