I corridoi umanitari europei sbarcano domani al Parlamento europeo

Le chiese protestanti presenteranno un concept note per 50mila richiedenti asilo nell'arco di due anni, che saranno accolti dai vari Stati membri dell'UE con il supporto della società civile di ogni paese

 

La proposta di un corridoio umanitario europeo per 50mila persone dalla Libia e dai paesi limitrofi, elaborata e sostenuta dalle chiese evangeliche italiane, arriva a Bruxelles.

Domani, martedì 10 dicembre, dalle 9 alle 12.30 al Parlamento Europeo si svolgerà infatti un incontro organizzato e voluto dai promotori di questa esperienza solidale, la Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), attraverso il suo programma per i rifugiati e i migranti, Mediterranean Hope (MH), e la Comunità di S.Egidio, ospiti del vice presidente dell’Europarlamento Fabio Massimo Castaldo.

«Dopo la positiva esperienza dei corridoi umanitari in Italia – ha dichiarato il pastore Luca Maria Negro – ci impegniamo ad avanzare la proposta di un corridoio umanitario europeo dalla Libia e dai paesi circostanti. Tre i punti-chiave della nostra proposta: la richiesta al governo italiano di porsi come capofila di una cordata di Paesi UE coinvolti nell’iniziativa; la collaborazione operativa con l’UNHCR nella fase di identificazione delle persone che prenderanno parte al programma e con la società civile per preparare i beneficiari dei corridoi umanitari al percorso che dovranno fare nei paesi di accoglienza; la partecipazione della società civile e delle chiese nella fase dell’accoglienza e dell’integrazione dei beneficiari. Ribadiamo così l’urgenza di un intervento in Libia e nei paesi vicini, teso ad aprire un canale di accesso legale e sicuro a Stati che garantiscano il diritto di asilo e la protezione umanitaria».

All’iniziativa interverranno numerosi esponenti istituzionali, della società civile e delle chiese protestanti europee: la vice ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Emanuela Claudia Del ReLuca Maria Negro, presidente della FCEI, Jan De Volder dell’ufficio europeo di S.Egidio, la moderatora della Tavola valdese Alessandra TrottaNagette Belgacem e Nathalie Springuel dell’UNHCR, Paolo Naso, coordinatore di MH, Laura Corrado, Capo dell’Unità responsabile per la Migrazione Legale e l’Integrazione della Direzione Generale “Migrazione e Affari Interni” della Commissione europea, Torsten Moritz, segretario esecutivo della Churches Commission for Migrants in Europe (CCME), il pastore Christian Krieger, presidente della Conferenza delle chiese europee (KEK), Luigi Maria Vignali, Direttore generale per gli italiani all’estero della Farnesina, la deputata Sabrina De Carlo e l’eurodeputata Laura Ferrara.

Qui il programma completo dell’evento, che si terrà presso la sala PHS 1C47, con i relatori e gli orari dei rispettivi interventi:
Programme_EUHumanitarianCorridors_12102019_PE

Interesse geografico: