Chiese tedesche chiedono una legge contro vendita armi a paesi terzi

Organismi ecumenici protestanti e cattolici chiedono con forza al governo un impegno forte e concreto sul tema degli armamenti

Durante la presentazione a Berlino del suo rapporto annuale, il presidente protestante della Conferenza congiunta Chiesa e sviluppo, Gkke (gruppo di lavoro cattolico-protestante sulle politiche di sviluppo in Germania, Come voce comune delle due grandi chiese in Germania, conduce dialoghi con il parlamento, il governo e gruppi di interesse sociale su questioni di politica nord-sud e cooperazione allo sviluppo), Martin Dutzmann, ha sottolineato che i nuovi principi politici della coalizione governativa presentati lo scorso luglio costituiscono solo una «dichiarazione di intenti».

In particolare, ha fatto riferimento al divieto di esportazione di armi leggere verso paesi terzi, quelli che non appartengono né all'Unione Europea (Ue) né alla Nato, che ha descritto come un progresso rispetto alle leggi del 2015, ma ha aggiunto che ciò è valido solo in termini generali e non include la regolamentazione relativa alle munizioni.

Dutzmann ha anche criticato il fatto che rendere l'esportazione di armi dipendente dal paese che riceve i controlli in loco della destinazione finale delle merci esportate, precedentemente applicabile solo alle armi leggere, non è un obbligo, ma «solo una possibilità». In tal senso, ha descritto come «insufficiente» la revisione dei principi politici del governo in materia e ha richiesto che l'esecutivo elabori e approvi una legge «giuridicamente vincolante» sul controllo delle esportazioni di armi.

«L'attuale evoluzione in Turchia e la sua invasione della Siria settentrionale il 9 ottobre, contrariamente al diritto internazionale, dimostrano che una legge giuridicamente vincolante è più necessaria che mai», ha affermato.

Ha ricordato che nei primi otto mesi di quest'anno, la Germania ha esportato in Turchia, membro della Nato, armi da guerra per un valore di 250,4 milioni di euro. Nel frattempo, il presidente cattolico del Gkke, Karl Jüsten, ha fatto riferimento alla nuova decisione adottata lo scorso settembre dal Consiglio europeo sulle esportazioni di armi e si rammarica che «sia stata sprecata l'opportunità di raggiungere un sostanziale consolidamento di controllo europeo» in questa materia.

Sebbene ci siano miglioramenti in termini di trasparenza, ha ammesso che «il quadro generale del controllo europeo delle esportazioni di armi è deplorevole», con una stagnazione per quanto riguarda il contenuto istituzionale e le normative in parallelo con un aumento della cooperazione nel settore delle armi che diluisce le disposizioni più restrittive.

A tale proposito, ha sottolineato che una politica estera, di sicurezza e di difesa comune richiede una «politica di esportazione di armi coerente e restrittiva», invitando l'UE a vietare le esportazioni verso i paesi terzi e fornire al Parlamento europeo una capacità di controllo più forte.

«La guerra nello Yemen è un segnale dell'urgenza con cui abbiamo bisogno di una politica europea di controllo delle esportazioni di armi restrittive», ha affermato e ribadito la richiesta del Gkke al governo tedesco di non esportare armi nei paesi coinvolti in tale contesto.

Il presidente del gruppo di esperti del Gkke, Simone Wisotzki, ha criticato da parte sua che una semplice occhiata a cifre specifiche, ad esempio i 5.330 milioni di euro di autorizzazioni all'esportazione in singoli casi, «riflette che non vi è traccia di una tendenza verso una politica restrittiva di esportazione di armi». Nel 2018 il governo tedesco ha rilasciato 11.142 autorizzazioni individuali per esportazioni di armi per 4.820 milioni di euro, circa 1.400 milioni o il 23% in meno rispetto al 2017.

Sebbene le autorizzazioni calino per il terzo anno consecutivo, il periodo 2015-2017 è stato quello con il maggior numero di autorizzazioni concesse negli ultimi 21 anni, vale a dire dal momento in cui il governo segnala pubblicamente le sue esportazioni di armi. Per Wisotzki, le esportazioni verso i paesi terzi rappresentano il problema maggiore, con il 53% delle forniture totali nel 2018, che rappresentano oltre la metà del totale per il sesto anno consecutivo.

Interesse geografico: