Il Signore risorto è qui!

Il messaggio di Pasqua del pastore Elijah Brown, segretario generale dell’Alleanza Mondiale Battista, comunione di chiese presenti in 126 paesi

C’è spesso uno spazio tra ciò che dice Gesù e ciò che comprendiamo. È come per i discepoli sulla strada per Emmaus (Luca 24, 13-35). Mentre camminavano e parlavano, si persero nella disperazione della morte di Gesù. Quando Gesù li incontra per strada, “i loro volti [erano] abbassati” (Luca 24, 17). La parola greca è σκυθρωπός (skuthrōpos) ed è usata solo due volte nel Nuovo Testamento. Si riferisce a un dolore così potente che è inciso nelle linee del tuo viso. Forse è stato il dolore della morte che li ha ottenebrati impedendo loro di riconoscere che Gesù stava viaggiando con loro.

Questi discepoli di Emmaus vivevano nello spazio tra ciò che avevano capito e ciò che Gesù aveva già realizzato. Gesù aveva già sconfitto le catene della morte. Gesù aveva già scoperchiato non solo la sua tomba, ma anche le tombe di molti in tutta la città (Matteo 27, 52-53). I discepoli avevano già ricevuto il resoconto delle donne che avevano visitato la tomba dove avevano sentito dagli angeli: “Non è qui; è risorto, proprio come aveva detto!” (Matteo 28, 6). Ma nei momenti di grande dolore e grandi domande, la strada può sembrare solitaria. Gesù accolse le loro domande proprio come accoglierà le vostre. Le domande non sono motivo di squalifica ai Suoi occhi.

Se sei in uno spazio tra ciò che è accaduto e ciò che comprendi, non sei solo. 

Se sei su una strada piena di domande e affronti perdite impreviste e aspettative violentemente infrante, non sei solo. Il Signore risorto è qui e Gesù percorre con noi il sentiero del dolore. Il Regno di Dio vive spesso nella tensione di indicare la speranza della risurrezione nello spazio tra quella verità e ciò che si sta sperimentando.

Morti violente e perdite impreviste attraversano il nostro mondo di oggi. Decine di milioni di persone hanno perso la vita in una pandemia globale. Centinaia di milioni sono caduti sempre più nella povertà. Ingiustizie razziali, nazionalismo violento, guerre e conflitti, condizioni meteorologiche estreme, genocidio e il vuoto sussulto del consumismo lasciano buchi aperti e domande penetranti.

Ma questo fa parte del messaggio pasquale: il Signore risorto è qui. Anche quando non lo riconosciamo, Gesù percorre con noi la via del dolore.

Indubbiamente, mentre Gesù accompagnava questi discepoli in questo spazio tra ciò che aveva già compiuto e ciò che essi avevano capito, il Suo insegnamento era essenziale. Ma l’insegnamento di Gesù di per sé non è stato trasformativo. I loro occhi rimasero annebbiati finché Gesù non entrò nella

loro casa e condivise con loro l’intimità di spezzare il pane. L’insegnamento era essenziale, l’intimità della relazione è stata trasformativa. Fu solo quando il pane fu condiviso che “i loro occhi furono aperti” e riconobbero che Gesù era sempre stato lì con loro sulla via del dolore (Luca 24, 31).

La stessa cosa è vera oggi. Per un mondo in un viaggio di dolore, gli insegnamenti di Gesù sono essenziali, ma solo una relazione in Cristo è trasformativa. Accettiamo le domande di questo mondo e viaggiamo con coloro che cercano la comprensione. Decidiamo però di non condividere da soli risposte e insegnamenti. Piuttosto seguiamo il modello di Gesù abbracciando il dolore e il dolore nell’intimità della relazione. Siamo disposti a seguire questo modello di Gesù? Per chi soffre, per chi

ha domande, per chi è in preda alla morte, sei disposto a unirti a quel dolore con un’intimità che spezza il pane con loro nella loro casa?

Questa Pasqua, a nome della Baptist World Alliance, una famiglia che viaggia insieme in 126 Paesi e territori, si rinnova l’annuncio: il Signore risorto è qui. Anche quando non possiamo vederlo completamente o comprenderlo appieno, Gesù percorre con noi il sentiero del dolore fino alla risurrezione. 

Buona Pasqua!

Immagine: Rembrandt van Rijn (1606-1669), Cristo con due discepoli sulla via di Emmaus

Interesse geografico: