Australia. Violati i diritti dei manifestanti per il clima

Le autorità dello stato del New South Wales (NSW) stanno imponendo dure sanzioni e condizioni di libertà su cauzione ai manifestanti che protestano in maniera nonviolenta contro il cambiamento climatico 

Pochi giorni fa Human Rights Watch, organizzazione non governativa che si occupa di tutela dei diritti umani, ha fatto sapere che le autorità dello stato australiano del New South Wales (NSW) stanno violando i diritti fondamentali dei manifestanti nonviolenti per il clima. 

Nel marzo 2022 il governo ha istituito una nuova unità di polizia nota come Strike Force Guard, progettata per «prevenire, indagare e interrompere le proteste non autorizzate in tutto lo stato». 

Il 1 aprile, il Parlamento statale ha introdotto nuove leggi e sanzioni rivolte specificamente alle proteste che bloccavano strade e porti. I manifestanti possono ora essere multati fino a  22.000 dollari australiani (15 mila euro circa) e incarcerati fino a due anni per aver protestato senza permesso su strade pubbliche, linee ferroviarie, tunnel, ponti e aree industriali.

«I manifestanti per il clima sono sempre più e sproporzionatamente soggetti ad azioni legali vendicative da parte delle autorità australiane che limitano i diritti alla libertà di riunione pacifica e di espressione», ha affermato Sophie McNeill, ricercatrice australiana di Human Rights Watch. «I magistrati del New South Wales hanno imposto dure sanzioni e condizioni di libertà su cauzione ai manifestanti per il clima che violano i diritti fondamentali».

Le azioni delle autorità australiane contro gli attivisti per il clima sembrano mirate a ridurre l'attivismo per il clima più in generale, ha affermato Human Rights Watch. Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato che «laddove vengono imposte sanzioni penali o amministrative agli organizzatori o ai partecipanti a un'assemblea pacifica per la loro condotta illegale, tali sanzioni devono essere proporzionate, non di natura discriminatoria, e non devono basarsi su reati ambigui o eccessivamente definiti, né sopprimere comportamenti tutelati dal diritto internazionale. Coerentemente con la presunzione di innocenza, gli imputati dovrebbero normalmente essere rilasciati in attesa del processo. Il Patto internazionale sui diritti civili e politici, di cui l'Australia è parte, prevede nell'articolo 9(3) che “non sarà la regola generale che le persone in attesa di processo siano detenute in custodia, ma il rilascio può essere soggetto alla garanzia di comparire a giudizio”».

Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite, nell'interpretare questa disposizione, ha affermato che la detenzione prima del processo dovrebbe essere utilizzata solo nella misura in cui è lecita, ragionevole e necessaria. La necessità è definita in modo restrittivo: «impedire la fuga, l'interferenza con le prove o la reiterazione del reato» o «quando l'interessato costituisce una minaccia chiara e grave per la società che non può essere contenuta in altro modo». 

Oltre alle leggi del NSW, HRW fa sapere che anche la legislazione attualmente in discussione nel parlamento della Tasmania consentirebbe alle autorità di multare i manifestanti fino a AU $ 12.975 ($ 8.999), o di incarcerarli per 18 mesi per un primo reato, e di multare le organizzazioni fino a 103.800 dollari asutraliani (70mila euro circa), se è stato ritenuto che abbiano ostacolato i lavoratori o causato “un grave rischio”. 

«La repressione delle autorità australiane contro i manifestanti per il clima è una nuova tendenza allarmante», ha affermato McNeill. «I cittadini che protestano e violano la legge devono essere puniti adeguatamente, ma la punizione non dovrebbe essere intesa a impedire a tutti i manifestanti di esercitare il loro diritto fondamentale alla protesta. L’azione per il clima significherà che sempre più persone scendono pacificamente in strada, e le autorità dovrebbero accettare questa realtà».

Interesse geografico: