i suoi articoli

13 marzo 2018

L’incontro avvenuto venerdì 9 marzo tra il presidente Kenyatta e il capo dell’opposizione Odinga potrebbe porre fine a un lungo periodo di tensioni e violenze che rischiavano di rendere instabile il Paese, al centro di una g

12 marzo 2018

Quattro deputati italiani, assistiti da Asgi, hanno presentato un ricorso alla Corte costituzionale perché il Memorandum del 2 febbraio 2017 non è mai stato ratificato dal Parlamento

8 marzo 2018

Gli scontri tra esercito e separatisti nelle regioni occidentali del Paese rischia di arrivare a un punto di rottura, oltre la capacità degli attori internazionali e religiosi di impedire una nuova escalation.

6 marzo 2018

Intervista ad Alessia Cornaz, ostetrica di Medici senza Frontiere appena tornata dal confine tra Bangladesh e Myanmar, dove alla fine di agosto 2017 si rifugiarono oltre 700.000 persone​

2 marzo 2018

La nuova strategia guarda a un possibile ingresso di Serbia e Montenegro verso il 2025, ma c’è molta prudenza. Dialogo con Paolo Bergamaschi, consigliere politico del Parlamento europeo

28 febbraio 2018

Negli ultimi anni, nel nome della lotta alla corruzione e dell’ideale del consenso, il governo cinese ha costruito un sistema sempre più elaborato per fare in modo che non si esca mai dal recinto dettato da regole variabili

27 febbraio 2018

La volontà della municipalità di Gerusalemme di imporre l’arnona alle proprietà cristiane si somma alla legge sulla proprietà di terreni e immobili in discussione alla Knesset

22 febbraio 2018

La relazione finale della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito, che ha concluso i propri lavori, punta il dito contro il negazionismo dei vertici militari.

15 febbraio 2018

L’edizione 2018 dell’Hit Show, fiera dedicata alle armi, anche quest’anno era accessibile ai minori. Guardando alla recente strage in Florida va rilanciata la riflessione sull’accesso alle armi

14 febbraio 2018

Le ultime tensioni tra Siria e Israele sembrano spingere verso un conflitto tra le milizie libanesi di Hezbollah e l’esercito israeliano, con conseguenze molto peggiori di quello del 2006

Pagine