i suoi articoli

24 luglio 2018

In una lettera, la presidente della Commissione nazionale per il diritto d’asilo ha invitato esplicitamente le commissioni territoriali a ridurre i numeri della protezione umanitaria

20 luglio 2018

Le commissioni Giustizia di Camera e Senato hanno bocciato la riforma dell’ordinamento penitenziario voluta dall’ex ministro Orlando, ma il parere non è definitivo

19 luglio 2018

Con il nuovo governo riparte la riforma della legittima difesa, ripensata in forma estensiva da parte della Lega. Una questione che impone di interrogarsi anche sulla riforma del porto d’armi

18 luglio 2018

Il governo della Repubblica Democratica del Congo ha deciso di modificare i confini dei parchi Virunga e Salonga per favorire le multinazionali del petrolio. È l’ultima mossa di Kabila?

13 luglio 2018

Al centro del dibattito l’impegno di aumentare la propria spesa militare al 2% del Pil entro il 2024 e le minacce di Trump di lasciare il Patto. Intervista con Francesco Vignarca (Rete Disarmo)

11 luglio 2018

L’accordo sottoscritto ad Asmara da Etiopia ed Eritrea chiude una disputa territoriale cominciata nel 1998. Si spera che questo sia l’inizio di un cammino per ridisegnare la politica del Corno d’Africa

10 luglio 2018

Il documento firmato dal ministro Salvini chiede una stretta sul riconoscimento della forma più diffusa di protezione, una richiesta che Asgi definisce «inopportuna ed errata nei suoi presupposti e nelle sue finalità»

4 luglio 2018

Le navi di Proactiva Open Arms sono arrivate a Barcellona per sbarcare le persone soccorse al largo della Libia il 30 giugno, dopo il rifiuto di Italia e Malta ad aprire i propri porti. Intervista a Riccardo Gatti

3 luglio 2018

Nonostante il divieto imposto per il quinto anno consecutivo, domenica 1 luglio migliaia di persone hanno cercato di partecipare al Pride 2018. La situazione per le persone Lgbt rimane difficile

29 giugno 2018

La grande attesa per il Consiglio europeo del 28 giugno si è tradotta prima in un duro scontro tra l’Italia e gli altri Paesi dell’Unione e infine in un accordo che, al netto degli annunci, non modifica la situazione

Pagine