Nazca

12 dicembre 2014

A Greenpeace sarebbe bastato un post su Facebook: avrebbe fatto meno danni e sarebbe piaciuto a qualche centinaio di internauti