Yemen

5 maggio 2015

Migliaia i migranti a rischio deportazione in Libia, i nuovi colloqui di pace sulla Siria riprendono a Ginevra, l’Arabia Saudita potrebbe indire una tregua umanitaria in Yemen, i gruppi armati si impegnano a liberare migliaia di

4 maggio 2015

Almeno 5.800 persone salvate negli ultimi tre giorni nel Mediterraneo, oltre 600 le persone liberate dalla prigionia di Boko haram in Nigeria, oltre 50 feriti nelle proteste degli etiopi contro le discriminazioni in Israele, l’A

29 aprile 2015

Bombardata la pista di atterraggio della capitale dello Yemen, le 8 condanne a morte in Indonesia, liberate quasi 300 donne rapite da Boko haram, il presidente Orbán chiede di riconsiderare il divieto della pena di in Ungheria, 

27 aprile 2015

Continua a salire il bilancio delle vittime del terremoto in Nepal, uccisa un’attivista per i diritti umani in Pakistan, scelto il nuovo mediatore delle Nazioni Unite in Yemen, otto arresti durante le nuove proteste a Hong Kong,

21 aprile 2015

Morsi condannato a 20 anni di carcere in Egitto, le trattative in Yemen, in Russia ucciso il leader dell’Emirato del Caucaso Aliaskhab Kebekov, il governo greco chiede liquidità alle amministrazioni locali, in Sudafrica appello

16 aprile 2015

Il parlamento europeo riconosce il genocidio degli armeni, si dimette l’inviato Onu Jamal Benomar in Yemen, nominato il primo ambasciatore donna in Iran dalla rivoluzione del 1979, in Colombia il governo sospende la tregua con i

10 aprile 2015

Gli aggiornamenti dallo Yemen, le sanzioni all'Iran, Panama, Stati Uniti e Cuba, lo storico colloquio tra John Kerry e Bruno Rodríguez, si va verso elezioni «dall’esito scontato» in Sudan, il governo argentino denuncia lo sfrutt

7 aprile 2015

L'Onu chiede l’accesso al campo profughi di Yarmouk, al via il secondo tratto del muro anti-immigrazione sul confine tra Bulgaria e Turchia.

31 marzo 2015

Le elezioni in Nigeria, l'operatore della Croce Rossa ucciso in Mali, i bombardamenti in Yemen, i negoziati sul nucleare iraniano, Myanmar a un passo da un accordo storico tra governo e ribelli di vari gruppi etnici

31 marzo 2015

45 vittime, tra loro donne e bambini. Si teme l'esodo verso la Somalia